Rassegna Stampa

Web Ad Maiora Media

CIOCCOFESTA, A Natale la città diventerà più dolce e più buona

Fonte: Web Ad Maiora Media
17 dicembre 2009

FINESTRA SU CAGLIARI 



16 dic. 2009 – È un vero e proprio appello ai golosi quello che il comune di Cagliari rivolge a tutti gli amanti del cioccolato per una cinque giorni di festa, da venerdì 18 a martedì 22, alla Passeggiata coperta del Bastione.
La “Cioccofesta di Natale” sarà la dolce manifestazione di fine anno che proporrà alla città intera, ma in particolare ai ragazzi, un susseguirsi di eventi a tema incentrati sulla passione per il cioccolato e la solidarietà verso i coetanei meno fortunati.
Il variegato programma, infatti, prevederà: “Cioccolandia”, una mostra di sculture di cioccolato accompagnate dalla storia del cosiddetto “cibo degli dei”; un “CioccoBabboNatale che offrirà golosi doni ai bambini; “Cioccomusic” e “Cioccofilm”, momenti di intrattenimento musicale e una rassegna cinematografica a tema; il “Cioccolaboatorio” ed il “Cioccopiatto”, in cui abili pasticceri e rinomati cuochi prepareranno sculture e piatti a base di cioccolato. All’interno dei cinque giorni, sono previsti altri e vari “Cioccoeventi” di musica, teatro e spettacolo, sino alla serata finale del 20 dicembre, quando una grande opera di cacao verrà distrutta ed inizierà il “Cioccobanchetto”.
«La manifestazione ha un nome frivolo – ha spiegato il vicesindaco del Capoluogo, Edoardo Usai, presentando l’evento – perché è una festa, ma ha anche una finalità seria: interessare i ragazzi sulla realtà dei bambini ricoverati nel reparto di Oncoematologia pediatrica dell’ospedale Microcitemico di Cagliari». La “Cioccofesta” ha, infatti, coinvolto alcune scuole, cittadine e dell’hinterland, e diverse associazioni di volontariato. I ragazzi potranno, così, appendere una lettera e lasciare dei doni per i piccoli degenti del Microcitemico sotto il “Cioccoalbero della solidarietà”.
«Doni molto attesi dai bambini malati – ha precisato Maria Agnese Cannas, presidente dell’associazione Asgop e madre di una bambina ricoverata – allestiremo, inoltre, una mostra fotografica: “Conosciamo il Microcitemico”, per raccontare ai ragazzi le storie ed il coraggio dei piccoli pazienti». (cp)