Rassegna Stampa

web cagliaripad.it

Festa di Sant’Efisio, il sindaco Truzzu: “Recuperiamo il tempo perduto”

Fonte: web cagliaripad.it
15 aprile 2022

Festa di Sant’Efisio, il sindaco Truzzu: “Recuperiamo il tempo perduto”
La 366ma edizione della manifestazione, quest'anno aperta al pubblico, vedrà Sant'Efisio indossare nuovamente l'uniforme storica

 

“Presentare la campagna di comunicazione che questo 2022 accompagnerà la 366ma Festa di Sant’Efisio. Anche se siamo ripartiti dallo stesso punto in cui avevamo lasciato nel 2020 a causa della pandemia da Covid, il titolo è quantomai attuale: Fedeli alla promessa, uniti nella tradizione”. Le parole sono del sindaco Paolo Truzzu che questa mattina ha chiamato a raccolta i giornalisti al Palazzo Civico, decisamente più ampia rispetto a quella del 2020 e 2021.

Per i dettagli e il calendario degli eventi in programma della Festa occorrerà però attendere la settimana ventura. “Tutto dipenderà dagli esiti della riunione del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza pubblica, che vedrà coinvolti tutti i sindaci interessati, il prefetto, il questore e l’arcivescovo”, ha aggiunto Truzzu.

“Siamo impegnati al massimo per recuperare il tempo perduto”, ha spiegato il primo cittadino ricordando che “le decisioni a livello centrale in merito alle manifestazioni pubbliche sono giunte soltanto in queste ultime giornate” e ringraziando tutti coloro i quali sono impegnati per la buona riuscita dell’evento.

Oltre al presidente del Consiglio comunale, Edoardo Tocco, al responsabile dell’area Suape, Mercati, Attività produttive e Turismo, Alessandro Cossa, al presidente dell’Arciconfraternita di Sant’Efisio, Andrea Loi, all’incontro con la stampa di oggi, giovedì 14 aprile, anche l’assessore Alessandro Sorgia.

“Per la 366ma Festa – ha potuto anticipare il titolare del Turismo – Sant’Efisio sarà scortato dalla pattuglia a cavallo dell’Esercito italiano. Indosserà l’uniforme storica del disciolto Reggimento Cavalleggeri di Sardegna e sarà costituita da cinque binomi di cavalieri e cavalli del Centro Ippico Militare Comando Sardegna, appartenenti alla Cavalleria, una delle sei armi che costituiscono l’EI, unitamente alla Fanteria, Artiglieria, Genio, Trasmissioni, Trasporti e Materiali”.