Rassegna Stampa

Vistanet Cagliari

Covid-19 nel mondo: 723mila casi e oltre 34mila morti

Fonte: Vistanet Cagliari
31 marzo 2020

Covid-19 nel mondo: 723mila casi e oltre 34mila morti

#mondo I primi dieci Paesi più colpiti dal Coronavirus sono gli Stati Uniti seguiti dall'Italia, Cina, Spagna, Germania, Francia, Iran, Regno Unito, Svizzera e Paesi Bassi.

  
I decessi provocati dal coronavirus nel mondo hanno superato quota 34 mila su un totale di oltre 723 mila casi: lo riporta l’ultimo bollettino diffuso dalla Johns Hopkins University. Le persone finora guarite sono 151.991. I casi di contagio sono 723.328 ed i decessi 34.005, indica l’università americana. Secondo un calcolo dell’agenzia Afp, nella sola Europa i morti hanno superato i 25 mila.

Negli Stati Uniti, intanto, si temono “milioni di casi” di coronavirus e “fra i 100.000 e i 200.000 morti”. Lo afferma Anthony Fauci, il maggiore esperto americano di malattie infettive, in un’intervista a Cnn, sottolineando comunque che è difficile fare previsioni perché è un “target in movimento”. “Da quello che vediamo ora, direi che ci potrebbero essere 100.000-200.000 morti” dal coronavirus, dice Fauci sottolineando che si temono “milioni di casi”. A New York il numero dei contagi è in aumento, con 253 vittime nelle ultime 24 ore.

In tutto il mondo continua l’espansione della pandemia. I casi di coronavirus in Europa hanno superato i 400mila, e nel Vecchio Continente si registra la maggioranza dei 35mila decessi. In Francia i casi si stanno spostando nella parte sud del Paese ma in Spagna c’è un lieve calo di decessi. In Gemania, dove la cancelliera Angela Merkel è risultata negativa anche al terzo test per Covid-19, i numeri di casi e decessi restano un mistero. Testato (è negativo) anche il premier israeliano Benyamin Netanyahu dopo che una sua collaboratrice è stata trovata positiva all’infezione.  Il problema è fuori controllo in India, e in Africa, dove è più difficile attuare le misure di precauzione e controllo.



Il principe Carlo è fuori dall’autoisolamento dopo essere risultato positivo. Lo ha confermato un portavoce precisando che “il principe del Galles, dopo aver consultato il suo medico, è ora fuori dalla quarantena” e sta bene. L’erede al trono britannico è rimasto chiuso nella sua residenza a Balmoral, in Scozia, con la moglie Camilla per sette giorni dopo aver annunciato di essere stato contagia