Rassegna Stampa

Vistanet Cagliari

Bullismo, domani al Marconi di Cagliari una vittima racconta la sua esperienza

Fonte: Vistanet Cagliari
20 febbraio 2020


Bullismo, domani al Marconi di Cagliari una vittima racconta la sua esperienza
Incontro sui nuovi media, bullismo e cyberbullismo nell’aula magna dell’istituto “Marconi” di Cagliari in viale Valerio Pisano dalle 11.20. Racconterà la sua esperienza di vita Martina Murenu, una ragazza ora maggiorenne vittima di bullismo per 10 anni.


Incontro sui nuovi media, bullismo e cyberbullismo nell’aula magna dell’istituto “Marconi” di Cagliari in viale Valerio Pisano dalle 11.20.
Racconterà la sua esperienza di vita Martina Murenu, una ragazza ora maggiorenne vittima di bullismo per 10 anni.

Nell’ambito delle iniziative e di contrasto del fenomeno del bullismo e del cyberbullismo, domani dalle 11.20 nell’aula magna di via Valerio Pisano dell’istituto tecnico Marconi di Cagliari gli studenti delle classi prime e seconde del Marconi parteciperanno a un incontro sul tema “Diamoci del Tu. Incontro/dibattito sui nuovi media, benedetti o maledetti? Reputazione digitale, bullismo e cyberbullismo profili giuridici e sociali”.

Interverranno: Gino Emanuele Melis avvocato del Foro di Cagliari  e  campione sportivo a livello nazionale di Karate; Nicola Pisu giornalista professionista e autore televisivo. Inoltre sarà presente e racconterà la sua esperienza di vita Martina Murenu, una ragazza ora maggiorenne che è stata vittima di bullismo per 10 anni.

L’incontro con gli studenti è finalizzato a fornire loro gli strumenti e le conoscenze sull’utilizzo dei nuovi media e delle nuove piattaforme digitali, sulla normativa per il bullismo e cyberbullismo, sulle responsabilità penali e civili del bullo, sulla culpa in vigilando e in educando dei genitori, sulla culpa in vigilando, in educando e in organizzando della Scuola, sulle conseguenze psicofisiche subite dalla vittima e sulle tutele previste dal nostro.



«Bullismo e cyberbullismo – spiega il dirigente scolastico Giancarlo Della Corte – sono le minacce più temute dagli adolescenti italiani, subito dopo violenze sessuali e droghe. Ma per i maschi nella fascia di età tra i 13 e i 15 anni il bullismo sale al secondo posto dopo le droghe. La violenza tra pari – online e non – è dunque una realtà quotidiana per la Generazione Z, secondo i risultati dell’Osservatorio Indifesa su violenza, discriminazioni e stereotipi di genere, bullismo, cyberbullismo e sexting di Terre des Hommes e ScuolaZoo diffusi in occasione della Giornata Nazionale contro bullismo e cyberbullismo a scuola e del Safer Internet Day. Ben il 60% degli oltre 8mila ragazzi e ragazze delle scuole secondarie in tutta Italia coinvolti dall’indagine ha affermato di aver assistito ad atti di bullismo e cyberbullismo».

Da anni l’istituto d’istruzione superiore “Buccari-Marconi” porta avanti diverse iniziative di prevenzione e di contrasto del bullismo e del cyberbullismo.  Già dallo scorso anno l’istituto “Buccari-Marconi” ha dato l’adesione al progetto nazionale  “IO E TE ALLA PARI nella vita e sul web”, un percorso di sensibilizzazione alla parità di genere per prevenire e contrastare fenomeni violenti online e offline.

Il progetto ha portato a due incontri: uno nella sede del “Marconi” in via Valerio Pisano e un secondo nella sede del nautico “Buccari”. Gli esperti  del Compartimento della  Polizia Postale e delle Comunicazioni di Cagliari, hanno incontrato gli studenti in un incontro che ha portato studenti e studentesse a riflettere sulle potenzialità di internet senza incorrere nei rischi connessi alla violazione della privacy, al caricamento di contenuti inappropriati, alla violazione del copyright e all’adozione di comportamenti scorretti e pericolosi per sé e per gli altri.