Rassegna Stampa

Vistanet Cagliari

Progetto “Destinazione Cagliari”: rafforzare il brand territoriale e le potenzialità turistiche di C

Fonte: Vistanet Cagliari
9 maggio 2019


Progetto “Destinazione Cagliari”: rafforzare il brand territoriale e le potenzialità turistiche di Cagliari
Entra nel vivo il progetto Destinazione Cagliari, lanciato dall’amministrazione comunale per rafforzare e posizionare il brand Cagliari sui mercati turistici internazionali.

     
Stamane, con il primo incontro tra gli esperti chiamati da Sintur, la società che coordina il progetto, e i portatori d’interesse territoriali (operatori turistici, associazioni di categoria, consorzi di operatori, consorzi ed enti turistici, università, infrastrutture di accesso, ecc.) è ufficialmente partita la fase di avvio di Destinazione Cagliari, con l’illustrazione del suo iter, dei vantaggi delle DMO (Destination Management Organization), degli strumenti innovativi che consentiranno di capire le richieste del mercato e le potenzialità turistiche di Cagliari.

Davanti ad una variegata platea di stakeholder locali, riuniti nel centro culturale La Vetreria di Pirri, il gruppo di lavoro costituito da Sintur e composto da Giuseppe Melis, professore di Marketing del turismo dell’Università di Cagliari, Josep Ejarque, amministratore della società Four tourism, Eugenio Angelino, consulente della DMO (Destination Management Organization) Romagna, Francesco Traverso, amministratore delegato della H-benchmark, ha spiegato come le DMO possono far crescere l’economia turistica di un territorio, incrementare arrivi e presenze, aumentare la spesa media dei visitatori e le opportunità occupazionali, rafforzare il brand territoriale. Il ruolo più importante che oggi una DMO deve ricoprire è quello relativo alla leadership e al coordinamento degli attori economici, non solo quelli turistici, – è stato detto nel corso del confronto moderato dalla giornalista Claudia Mameli – e, per conseguire obiettivi sfidanti, è necessario ravvivare e rinnovare costantemente la consapevolezza del ruolo che il turismo può giocare nello sviluppo economico territoriale.

Tra gli esempi di DMO sono stati citati Bologna Welcome, Rimini Reservation, Fondazione Arezzo Intour, realtà differenti che hanno ottenuto differenti risultati, tra luci ed ombre, consensi e criticità.

A Martino Di Martino, amministratore di Sintur e coordinatore del progetto, è stato affidato il compito di raccontare Destinazione Cagliari, dalla necessità di analizzare la situazione di partenza del turismo nel capoluogo al coinvolgimento diretto di tutti i soggetti interessati, non ultimi i comuni cittadini, attori e non più solo spettatori della promozione della propria città. Dopo aver mostrato una serie di interviste realizzate nelle scorse settimane tra gli operatori, Di Martino ha rimarcato come tutti siano chiamati a partecipare attivamente alla costituzione della DMO per Cagliari, prendendo parte a tavoli tematici, dando suggerimenti, portando proposte di adeguamenti e di modifica del modello di destinazione turistica pensato per il capoluogo della Sardegna. L’amministratore di Sintur si è quindi soffermato sull’importanza di avere a disposizione due strumenti innovativi come il software HBenchmark Data Intelligence e la piattaforma Travel Appeal. Il primo – ha ricordato – consente di seguire l’andamento del mercato, lo stato di occupazione degli alberghi e le tendenze in tempo reale. Col secondo abbiamo l’analisi di sentiment e reputazione online della destinazione Cagliari.