Rassegna Stampa

web cagliaripad.it

Brio e leggerezza nel dittico Rossini-Donizetti al Lirico

Fonte: web cagliaripad.it
6 maggio 2019

 

 

Da Ansa News -  4 Maggio 2019



Il Teatro Lirico di Cagliari punta sulla leggerezza con il felice accostamento di due giocosi “atti unici”. Per il terzo appuntamento con la Stagione lirica ripropone il genere della farsa musicale riunendo in un dittico, per la regia “a quattro mani” di Francesco Calcagnini e Davide Riboli, “La cambiale di matrimonio”, felice esordio operistico di un Rossini 18enne, e “Il campanello” di un Donizetti già affermato. Incipit con brio con “La cambiale di matrimonio” che fin dal titolo allude al tema centrale e scottante, del legame nuziale come “negozio”.

Con spunti di critica sociale e la sottile denuncia della condizione femminile. La storia ruota attorno alla decisione di un padre di dare in sposa la figlia attraverso una semplice transazione commerciale, in virtù delle vantaggiose condizioni offerte dal suo corrispondente americano, che in una curiosa lettera l’aveva pregato di cercargli una moglie confacente. Pur con le migliori intenzioni il genitore trascura di interrogare la fanciulla sui suoi sentimenti, ignaro della liaison sbocciata sotto il suo stesso tetto tra la figlia e un onesto giovine di pochi mezzi. La “cambiale” giunge come un fulmine a ciel sereno a sconvolgere i piani di Fanny e del suo innamorato che cercheranno in ogni modo di scoraggiare il pretendente, proveniente da un paese più “selvaggio” e meno cerimonioso ma, dove s’intuisce, le donne godono di maggiore libertà.

La musica del pesarese mette in risalto i desideri e gli impulsi contrastanti, nello scenario inconsueto di un salone e l’esposizione di motociclette Benelli, metafora perfetta dell’idea della donna come “merce” in vendita. Con un fondale in cui si alternano parole e illustrazioni evocative. Ritmo e toni da pochade per “Il campanello” di Donizetti. La prima notte di nozze si trasforma in incubo per il novello sposo, un ricco speziale, tra continue interruzioni e “chiamate” del perfido strumento, dopo l’assolo nella brillante ouverture, a causa della beffa architettata da un rivale. Tra raffinate citazioni e parodie di tragedia, arie virtuosistiche e effetti comici, la maliziosa farsa giunge al finale con la partenza all’alba del farmacista e il commovente addio della sposina, già pronta a farsi consolare tra le braccia dell’aitante cugino, autore dello “scherzo”.

E con la complicità della madre di lei e il generale consenso della folla degli invitati. Direzione briosa ma composta per Alvise Casellati al suo debutto cagliaritano, alle prese con due squisite e vivaci partiture che raccontano l’amore sul filo dell’ironia. Per la replica di sabato 4 è annunciata in forma privata, la presenza della madre, la presidente del Senato Elisabetta Alberti Casellati. Spicca nella compagnia de “La Cambiale” Vincenzo Taormina nel ruolo di Tobia Mill, la Fanny di Claudia Muschio a proprio agio nel ruolo. Eccellenti doti attoriali per Martina Serra (nel doppio ruolo). Elegante l’Edoardo di Filippo Adami. Nel “Campanello” l’Enrico di Luca Micheletti mostra un gran qualità teatrale e vocale, catturando totalmente la scena. Bene coro e orchestra e finale tra gli applausi. 

Filtra per data

Maggio
1
4
5
6
11
12
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31