Rassegna Stampa

Vistanet Cagliari

A Cagliari la posta è green: ecco i nuovi tricicli dei portalettere 100% elettrici

Fonte: Vistanet Cagliari
10 aprile 2019


A Cagliari la posta è green: ecco i nuovi tricicli dei portalettere 100% elettrici
Li vedrete girare in città, si chiamano “Ligier Pulse”, sono 15, silenziosissimi, sicuri, capienti e soprattutto ecosostenibili. Sono i nuovi motocicli di Poste Italiane, hanno un autonomia di 50 chilometri e una velocità massima di 45 Km all'ora, possono portare tre volte il carico dei normali scooter e piacciono tanto anche ai postini.

     
Solo nella città di Cagliari ogni giorno vengono consegnati mille e 600 pacchi, duemila chili di corrispondenza ordinaria, 5 mila oggetti di posta registrata. Solo in città ci sono più di 53 mila numeri civici attivi, 111 mila abitazioni e 10 mila attività commerciali. E questi numeri sono in costante crescita visto lo sviluppo sempre crescente dell’e-commerce. I portalettere si muovono su motomezzi soprattutto in centro, va da sé che per raggiungere tutti gli utenti e consegnare la posta ci si sposti in lungo e in largo producendo inevitabilmente inquinamento. Da oggi però con l’introduzione dei nuovi tricicli il contributo di Poste Italiane alla riduzione delle emissioni di gas inquinanti sarà importante. La società infatti ha introdotto 15 nuovi mezzi a tre ruote completamente elettrici che verranno utilizzati a Cagliari per la consegna della posta.

«Questi nuovi mezzi presentano una serie vantaggi – ha spiegato Roberta Pierantoni, la responsabile Recapiti per la Sardegna- oltre naturalmente al fatto di essere a impatto zero sull’ambiente, sono molto più capienti, possono trasportare il triplo di quello che si può portare con gli scooter normali. Quindi non è necessario tornare al deposito più volte come facevamo prima». Inoltre i tricicli sono molto più equilibrati con una ruota anteriore e due posteriori: «Non possiamo poi trascurare l’aspetto della sicurezza – ha proseguito la responsabile Recapiti- questi nuovi mezzi garantiscono una stabilità maggiore. Hanno un’autonomia che consente di effettuare un intero turno di lavoro con la stessa carica e per ricaricarli occorrono sei ore, il giorno successivo i mezzi sono pronti per un altro turno di lavoro».

 

Anche gli operatori che devono utilizzarli, che hanno seguito un corso e una selezione di idoneità per poterli guidare, i portalettere, sono entusiasti: «Sono decisamente migliori degli scooter – ha affermato Carla Cogoni, portalettere che ha già provato il “Pulse”- intanto mi sento molto più sicura, poi sono più comodi, non devo caricare il peso su una gamba quando sono ferma, ma posso lasciare i piedi poggiati, sono completamente silenziosi e a fine giornata la differenza si sente, ma la cosa più importante è che questi tricicli hanno il cavalletto elettrico quindi basta premere un pulsante, nei vecchi scooter invece per azionare il cavalletto dovevi bloccarlo col piede e con uno strattone tirare indietro lo scooter con tutto il suo peso e a pieno carico era difficile».

Con la capienza di 210 litri contro i 70 dei vecchi scooter i tricicli possono contenere fino a 55 chili di carico, 15 nel vano anteriore e 40 baule posteriore: «Abbiamo tenuto conto dei cambiamenti nelle abitudini degli utenti – ha concluso Roberta Pierantoni- l’e-commerce è in fortissima espansione, per questo abbiamo implementato la capienza dei mezzi, ma abbiamo anche introdotto un nuovo modello di recapito il “Joint Delivery”, abbiamo cioè dilatato i tempi di consegna: adesso la corrispondenza viene recapitata anche la sera fino alle 19.45 e grazie alla disponibilità di dipendenti che si offrono volontariamente, anche il sabato mattina. Siamo partiti da Cagliari, ma naturalmente l’obiettivo è quello di rendere sempre più sostenibili i nostri servizi, quindi stiamo pianificando l’introduzione di nuovi tricicli elettrici anche nelle altre città sarde».