Rassegna Stampa

Vistanet Cagliari

egionali 2019, Zedda ancora dubbi su una possibile candidatura. “Deciderò all’ultimo”

Fonte: Vistanet Cagliari
12 settembre 2018


Regionali 2019, Zedda ancora dubbi su una possibile candidatura. “Deciderò all’ultimo”


Il sindaco di Cagliari sarebbe ancora molto indeciso su una sua candidatura alle imminenti elezioni regionali.

 
Le coalizioni si affrettano a trovare le alleanze in vista delle elezioni regionali ormai imminenti. Si voterà infatti molto probabilmente a febbraio ed è rimasto poco tempo per individuare i candidati che si dovranno sfidare per il dopo-Pigliaru. Ufficialmente la campagna elettorale non è ancora cominciata, anche se in teoria sembrerebbe proprio il contrario.

Il M5S ha da tempo il suo candidato, l’ex sindaco di Assemini Mario Puddu, sul quale però incombe la sentenza del processo che lo vede indagato per presunto abuso d’ufficio. Se dovesse essere condannato, stando alla legge Severino, non potrebbe governare e il Movimento potrebbe dover cercare all’ultimo un nuovo candidato.

Per quanto riguarda le coalizioni di centrodestra e centrosinistra, dalle stanze politiche trapela ancora troppo poco. Nel centrodestra circolano i nomi di Stefano Tunis e dell’ex sindaco di Cagliari Emilio Floris ed è molto probabile una coalizione con Lega e Ps d’Az. Nel centrosinistra c’è grande attesa per la decisione che prenderà l’attuale sindaco cagliaritano Massimo Zedda, sul quale da mesi c’è il pressing da parte del Pd regionale guidato dal nuovo segretario Emanuele Cani affinché si candidi a governatore della Sardegna.

Alla domanda postagli da Vistanet, il primo cittadino, che stamane è intervenuto alla presentazione del nuovo percorso della linea 1 del Ctm, ha risposto così: «Vedremo, deciderò solamente all’ultimo». Sembrerebbe dunque che Zedda (che non è iscritto a nessun partito seppur molto vicino a Campo progressista) sia molto titubante su una sua candidatura alla Regione e preferirebbe occuparsi dell’amministrazione comunale di Cagliari, anche per onorare l’impegno preso con gli elettori che gli hanno rinnovato la fiducia nel 2016, fino a fine mandato (nel 2021) ed, eventualmente, pensare a una ipotetica candidatura a sindaco della Città metropolitana. Ma i colpi di scena sono sempre possibili. Il centrosinistra, che intende presentarsi unito e compatto dinnanzi agli elettori, starebbe davvero sperando che Zedda accetti la proposta.