Rassegna Stampa

Vistanet Cagliari

Cagliari città delle fontane asciutte e degradate. L’interrogazione in consiglio comunale

Fonte: Vistanet Cagliari
22 maggio 2018


Cagliari città delle fontane asciutte e degradate. L’interrogazione in consiglio comunale
A denunciare la situazione è Raffaele Onnis, consigliere comunale dei Riformatori: “Oltre che per il suo mare, gli stagni e le lagune che la circondano, Cagliari dovrebbe essere città dell’acqua anche per quelle fontane che arredano e abbelliscono i nostri spazi pubblici. (...) Peccato che negli ultimi anni in città le fontane che arredano gli spazi pubblici sono prevalentemente asciutte, malfunzionanti o con acqua stagnante maleodorante".

 
“Oltre che per il suo mare, gli stagni e le lagune che la circondano, Cagliari dovrebbe essere città dell’acqua anche per quelle fontane che arredano e abbelliscono i nostri spazi pubblici” –  sostiene il Consigliere Comunale dei Riformatori Raffaele Onnis. “Queste dovrebbero svolgere un importante ruolo di arredo e decoro urbano della nostra città, migliorando l’immagine, la godibilità e fruibilità dei luoghi, dando un senso di refrigerio nei periodi più caldi e una sensazione piacevole all’udito con il rumore dell’acqua scrosciante. Peccato che negli ultimi anni in città le fontane che arredano gli spazi pubblici sono prevalentemente asciutte, malfunzionanti o con acqua stagnante maleodorante”.

La denuncia era già stata presentata un anno fa dal Consigliere, ma nonostante le ampie rassicurazioni la situazione sembra essere addirittura peggiorata. “Le fontane richiedono una manutenzione attenta e puntuale per mantenerle pulite ed in piena efficienza. La mancanza di una corretta manutenzione porta in breve tempo a un rapido deterioramento della fontana e degli impianti. Deve essere eseguita da personale competente che conosca bene come funzionano tutti gli elementi che la compongono e che possa intervenire correttamente”.

Per questo motivo il Consigliere Raffaele Onnis ha presentato una nuova interrogazione rivolta al Sindaco e alla Giunta dove chiede: Quali siano le motivazioni per cui in questi ultimi sette anni le suddette fontane presenti in città, siano state, asciutte o piene di acqua stagnante; Quali siano gli intendimenti per risolvere questa annosa situazione; Quale sia la spesa di cui l’amministrazione si è fatta carico negli ultimi 7 anni per la loro manutenzione e quale sia la spesa da affrontare per la loro riattivazione; Se non ritengano indispensabile dotarsi di strumenti per la movimentazione dell’acqua e di formare del personale con le competenze tecniche proprie dei fontanieri che rendano affidabile, autonoma ed economica la loro gestione; Se non ritengano opportuno arredare i nuovi spazi riqualificati in questi anni come piazza Garibaldi, piazza San Michele e piazza delle Aquile con la realizzazione di nuove fontane.