Rassegna Stampa

Web Ad Maiora Media

Metropolitana leggera: sindaco Zedda non sa cosa stanno facendo a ‘casa sua’ (Piergiorgio Massidda)

Fonte: Web Ad Maiora Media
28 marzo 2018

Metropolitana leggera: sindaco Zedda non sa cosa stanno facendo a ‘casa sua’ (Piergiorgio Massidda)


E’ incredibile quello che ha detto. Massimo Zedda, sindaco di Cagliari e della Città Metropolitana, colui che ha il massimo dei poteri per il governo del territorio da lui amministrato, colui che ha il diritto e dovere di conoscere il futuro della Città Metropolitana di Cagliari pone degli inquietanti preoccupazioni e allarmi perché non sa chi e come sta progettando la rete della metropolitana leggera che cambierà in maniera pesante il futuro della mobilità delle nostre città.

Forse la batosta elettorale ha lasciato il segno, ma bisogna ricordargli che le elezioni le hanno perse a livello nazionale e non (ancora!) a livello locale e che lui non è all’opposizione, è il Sindaco. E’ dall’inizio della legislatura che denunciamo poca chiarezza sul tema della metropolitana leggera, ma lo chiedevamo anche in campagna elettorale allorché i bus del Ctm andavano in giro con la pubblicità del concorrente Arst che annunciava che “la metropolitana del Poetto è già progettata” E ora il Sindaco ci dice che la metropolitana del Poetto è una assurdità per come è stata concepita.

E’ dall’inizio della legislatura che chiediamo le giustificazioni economico-finanziarie su un servizio di trasporto che costa tre volte tanto il servizio fatto con gli autobus, che denunciamo il rischio della scomparsa del Ctm. Siamo anni che chiediamo dati e chiarezza ma siamo sempre rimasti inascoltati. Speravamo che il silenzio fosse dettato dal fatto che il nostro Sindaco stesse comunque operando nel migliore dei modi e invece oggi veniamo a sapere che non sa cosa stanno facendo a ‘casa sua’ e che addirittura si paventano perdite di 10 milioni di euro solo per una linea. Occorre che ci si metta in fretta a lavorare seriamente per recuperare il tempo perduto, ma anche per bloccare tutto ciò che si sta dimostrando essere altamente rischioso per la nostra economia e per il futuro della nostra città.