Rassegna Stampa

Web Ad Maiora Media

CAGLIARI, Al 12esimo posto nella classifica della mobilità sostenibile in Italia

Fonte: Web Ad Maiora Media
26 gennaio 2018

CAGLIARI, Al 12esimo posto nella classifica della mobilità sostenibile in Italia


E’ stato pubblicato poche settimane fa l’undicesimo rapporto di Euromobility sulla mobilità sostenibile nelle principali 50 città italiane: Parma al primo posto, conquistando il titolo di “città più eco-mobile”, a seguire Milano e Torino.

Ottimi risultati per Cagliari che si aggiudica il 12esimo posto, nel 2011 era al 38esimo: la scalata è dovuta al miglioramento della sicurezza sulle strade, all’aumento di domanda del trasporto pubblico locale, ai dati positivi sulla qualità dell’aria, alla buona dotazione di aree pedonali e Ztl e alle attività avviate per la redazione del Piano urbano della mobilità sostenibile. Dal rapporto emergono ulteriori focus: in una seconda classifica nazionale per aree pedonali, Cagliari si trova al secondo posto dopo Venezia (oltre 1,2 mq/abitante, a Venezia 5,02) ed è anche quarta città in Italia per offerta di trasporto pubblico, con un incremento della domanda che ci posiziona al 13esimo posto, mentre la stessa domanda è attualmente in calo in ben 22 città. A livello nazionale, si registra un continuo incremento del tasso di motorizzazione nelle principali città (58,5%, +0,5% rispetto all’anno prima): aumenta il numero di veicoli a basso impatto, soprattutto Gpl e Metano (8,78%) e quelli ibridi ed elettrici (39%).

Si inverte anche il trend per la qualità dell’aria che nel 2015 peggiorò a causa di condizioni meteorologiche, registrando oggi un netto miglioramento tanto che ben 23 città rispettano tutti i limiti di normativa. Cagliari, già nei prossimi mesi, secondo l’Amministrazione comunale, aumenterà le zone pedonali e le piste ciclabili, avrà una rete di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici, aumenterà la sicurezza stradale con l’installazione di dispositivi come gli attraversamenti pedonali rialzati e l’attivazione delle ‘zone 30’ per la limitazione del traffico urbano.