Rassegna Stampa

Vistanet Cagliari

Tirocini, la Sardegna si adegua all’Europa: salario di 400 euro, durata variabile e maggiore vigilan

Fonte: Vistanet Cagliari
17 gennaio 2018

Tirocini, la Sardegna si adegua all’Europa: salario di 400 euro, durata variabile e maggiore vigilanza
   

La giunta regionale, su proposta dell’assessora del Lavoro Virginia Mura, ha recepito nella sua riunione di oggi le “Linee Guida di disciplina dei tirocini formativi e di orientamento”, frutto dell’Accordo tra Governo, Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano approvato il 25 maggio dello scorso anno. Il provvedimento, che arriva dopo il parere favorevole già ottenuto dalla Commissione regionale per i servizi e le politiche del lavoro (nella seduta del 6 dicembre scorso), sarà ora trasmesso ora alla Commissione del Consiglio regionale competente, e tornerà in giunta per l’approvazione definitiva da parte dell’Esecutivo.
Allegate al testo della delibera approvata oggi, le nuove disposizioni sostituiscono le precedenti risalenti al 2013. Le nuove Linee Guida nazionali – come ha ricordato l’assessora Mura -, sono state adottate tenendo conto non soltanto della evoluzione normativa intervenuta con l’approvazione del Jobs Act (ed in Sardegna con l’approvazione della L.R. 9/2016), ma anche delle indicazioni provenienti dall’Unione Europea. Il Consiglio dell’Unione Europea, infatti, nel marzo del 2014, era intervenuto con una specifica Raccomandazione agli Stati membri sollecitandoli a garantire «adeguati livelli qualitativi dei tirocini, considerati uno strumento chiave per il conseguimento degli obiettivi della strategia di Europa 2020, poiché agevolano la transizione scuola – lavoro ed incrementano la mobilità dei lavoratori».
Le nuove Linee Guida, inoltre, superano alcune criticità che erano emerse nell’applicazione delle precedenti disposizioni. In particolare, la durata dei tirocini pur restando di norma di sei mesi prorogabili, potrà anche essere di durata inferiore: fino a un mese e – come richiesto da alcune regioni –, fino a 14 giorni per il solo caso di tirocinanti-studenti durante il periodo estivo.
Non solo: con le nuove Linee Guida viene rafforzato il ruolo del tutor e vengono focalizzati meglio i suoi doveri; viene valorizzata tutta l’attività formativa (che ora potrà essere riconosciuta come competenza acquisita) e viene individuata in 400 euro mensili l’indennità minima per il tirocinante. Vengono inoltre fissate una serie di regole per il monitoraggio delle misure (per controllare e il numero di quante di esse si trasformano in rapporto di lavoro), nonché le disposizioni sulla vigilanza circa il corretto svolgimento dei tirocini. «Oltre che su altri vari aspetti, anche su questo punto la Sardegna si è già portata avanti”, ha ricordato l’assessora Virginia Mura. “La Regione ha infatti già da tempo stipulato un Protocollo d’intesa con l’Ispettorato del Lavoro, che rafforza proprio la vigilanza sul corretto svolgimento dei tirocini formativi già attivati».