Rassegna Stampa

L'Unione Sarda

EuPuru, la piattaforma per tastare l'umore dei cittadini

Fonte: L'Unione Sarda
6 ottobre 2017

I fondatori: «La gente potrà esprimere valutazioni sulle scelte di chi amministra il Comune»

EuPuru, la piattaforma per tastare l'umore dei cittadini

Partecipare, direttamente, «dal basso». Non più solo elettori, ma protagonisti della vita pubblica. Si chiama “EuPuru”, pure io, la piattaforma presentata a Sinnova ideata da Stefano Sotgiu e Cristiana Serra, per permettere di partecipare attivamente alla gestione delle nostra città. Uno strumento innovativo che oltre a coinvolgere i cittadini sui progetti «dà modo alle amministrazioni di aprire realmente le proprie politiche al contributo delle persone», spiega Stefano Sotgiu.
Il voto non è più l'unico strumento, nella democrazia partecipativa infatti ogni cittadino è chiamato alla formulazione di proposte e alla discussione di pensieri altrui per arrivare a una sintesi. Non si fa nelle Camere, ma nelle case, per le strade e sulla Rete. Un orizzonte civile e politico a cui la piattaforma “EuPuru” (www.eupuru.eu) dà adesso corpo e gambe. «Di fronte al fallimento dei partiti, spetta ai cittadini dire la loro su come vorrebbero che fossero amministrate le loro città», spiega Sotgiu. «Coinvolgendo direttamente i cittadini, gli si attribuisce anche un'importante responsabilità», afferma Antonio Demurtas, solution manager di EuPuru. Giusto per fare un esempio, a Cagliari sulla discussa chiusura della via Roma, i cittadini con EuPuru, una volta informati sulle conseguenze positive e negative, prima che l'amministrazione prendesse una decisione in merito, avrebbero potuto esprimere la loro opinione e decidere in un senso o nell'altro. Due nuove pubbliche amministrazioni hanno già deciso di affidarsi a EuPuru: dopo il Comune di Sassari, che aveva già aderito durante l'estate, ora anche quello di Ozieri potrà progettare assieme ai cittadini una parte importante di sviluppo della città.
EuPuru è un piattaforma articolata: c'è “EuBook”, lo spazio dei cittadini pensato per incanalare le discussioni in modalità propositive (come la chiusura di Via Roma, per esempio), “EuCity”, dove ci si può informare, votare e sostenere i progetti proposti nell'ambito del bilancio partecipativo dei Comuni, “EuFund”, in cui si possono proporre progetti e donare soldi per realizzarli, attraverso il crowdfunding civico, infine “EuSchool”, rivolto alle scuole per progettare miglioramenti e raccogliere donazioni. (ma.mad.)