Rassegna Stampa

L'Unione Sarda

Premi a chi va al lavoro in bici Progetto per ridurre l'uso dell'auto nei quartieri del centro

Fonte: L'Unione Sarda
7 agosto 2017

L'iniziativa sperimentale è riservata ai dipendenti di Comune, Regione e Università Premi a chi va al lavoro in bici Progetto per ridurre l'uso dell'auto nei quartieri del centro 

 

Premi e incentivi per chi va al lavoro o accompagna i figli a scuola senza utilizzare l'auto. Il Comune ha elaborato un progetto per promuovere l'uso di biciclette e mezzi pubblici e contribuire così a ridurre l'inquinamento, alleggerire il traffico e consentire risparmi economici. L'iniziativa “Cagliari, per una mobilità intelligente e sostenibile” è stata finanziata dal Ministero dell'Ambiente nell'ambito di un programma sperimentale nazionale sugli spostamenti nei percorsi casa-scuola e casa-lavoro. Il capoluogo della Sardegna si è classificato al 16° posto in graduatoria sugli 82 ammessi al finanziamento (Sassari si è piazzata al 6° posto) a fronte di 114 progetti totali presentati. Per il momento sono coinvolti solo i dipendenti di Comune, Regione e Università. Dopo la conclusione del programma (prevista fra tre anni), una volta valutati e analizzati i risultati, il piano di mobilità sostenibile potrebbe essere esteso a tutti i cagliaritani.
MOBILITÀ SOSTENIBILE «Il progetto da 1,9 milioni di euro (999 finanziati dal Ministero) è stato elaborato in collaborazione con il Centro interuniversitario ricerche economiche e mobilità e in parternariato con Università, Regione, Arst, Ctm e il partner privato Playcar», spiega l'assessora alla Mobilità e vice sindaca Luisa Anna Marras. «Il nostro obiettivo primario è la riduzione del traffico automobilistico, e quindi dell'inquinamento, ma anche dei costi per i cittadini in termini economici e di stress negli spostamenti tra l'abitazione e i luoghi di studio e di lavoro», precisa l'assessora. Il progetto avrà un perimetro ben preciso. «L'area individuata per la sperimentazione - i cui risultati saranno misurati con l'obiettivo di replicare l'iniziativa in altre zone - è quella corrispondente ai quattro quartieri del centro storico e amministrativo della città, area in cui sono presenti la maggior parte degli uffici di Comune, Regione e Università». Tradotta in numeri, l'iniziativa interesserà i circa 6.500 lavoratori dei tre enti pubblici. «Ma avrà effetti su tutti i residenti nei rioni di Marina, Castello, Villanova e Stampace».
TUTTO IN UNA APP Come funziona? «Chi partecipa al progetto, studiato in collaborazione con l'assessore comunale al Personale Danilo Fadda, dovrà, attraverso una Applicazione scaricabile sul telefono cellulare o un sistema on line, condividere gli spostamenti in auto con gli altri partecipanti all'iniziativa. Con lo stesso metodo verrà premiato chi utilizza la bici o, più semplicemente, si muoverà a piedi». Che tipo di incentivi offrirete? «Sarà come un gioco: più risparmi, meno inquini e più vinci. Stiamo pensando ad abbonamenti per mezzi pubblici o altri tipi di premi. È in corso di definizione anche un accordo con i commercianti su particolari sconti ai più virtuosi».
LE ALTRE INIZIATIVE Non solo premi ai dipendenti. «Tra le azioni in programma, la creazione di nuovi servizi e il rafforzamento di quelli esistenti per la mobilità condivisa e collettiva, l'adeguamento e la realizzazione di percorsi protetti lungo le direttrici verso gli uffici pubblici e i luoghi di studio», spiega Luisa Anna Marras. «Vicino a scuole e ospedali realizzeremo le cosiddette zone 30, dove la velocità dovrà essere particolarmente bassa, per tutelare pedoni e ciclisti. Inoltre - conclude l'assessora - costruiremo due stazioni per bici in piazza Matteotti e piazza Repubblica, attrezzate anche per la custodia delle due ruote, e installeremo rastrelliere in varie zone della città».
Andrea Artizzu