Rassegna Stampa

L'Unione Sarda

Ma resta vietato bere alcol per strada

Fonte: L'Unione Sarda
4 agosto 2017

Ma resta vietato bere alcol per strada

Sospeso l'obbligo di spegnere la musica alle 22, per i locali restano inalterate tutte le altre prescrizioni inserite nelle due ordinanze firmate dal sindaco Massimo Zedda lo scorso 21 luglio. È obbligatoria la rimozione di tutti i rifiuti delle attività, oltre che l'utilizzo per chi lo chiede dei servizi igienici interni. Nei quartieri Marina, Stampace, Castello e Villanova dalle 22 alle 6 non sarà consentita la vendita da asporto di alcolici (in qualsiasi contenitore) e di ogni altra bevanda in contenitori di vetro. Il divieto è stato allargato anche alle principali piazze cittadine (tra le quali Matteotti e Del Carmine) e anche nel lungomare Poetto. Oltre a una multa, gli operatori che dovessero violare le prescrizioni rischiano lo stop all'utilizzo del suolo pubblico.
Il decreto del presidente del Tar, Caro Lucrezio Monticelli, ha dunque reso inefficace la parte dell'ordinanza sindacale che vietava nei rioni del centro storico (Marina, Stampace, Castello e Villanova) la possibilità di far ascoltare musica nei locali dopo le 22, ma la decisione non equivale a un “liberi tutti”. Restano in vigore tutte le norme contro chiunque faccia troppo rumore fermandosi sino a notte fonda nelle piazze e tenendo i residenti svegli con urla, tamburi e altri oggetti rumorosi. I controlli delle forze dell'ordine, già iniziati a luglio, sono destinati a proseguire.
Fr. Pi.