Rassegna Stampa

Vistanet Cagliari

Pirri. Il Consiglio di Municipalità approva tra le polemiche la relazione previsionale di spesa

Fonte: Vistanet Cagliari
20 luglio 2017

Pirri. Il Consiglio di Municipalità approva tra le polemiche la relazione previsionale di spesa
 

Pirri. Via libera del Consiglio di Municipalità alla relazione previsionale di spesa. Con undici voti favorevoli e sei contrari, il Parlamentino pirrese ha infatti provveduto all‘approvazione definitiva dell’importante documento, testo-guida nella programmazione economica e politica della Municipalità. L’ok del Consiglio, come prevedibile, è giunto tra le polemiche, con l’opposizione di centrosinistra, che si è vista bocciare un emendamento al testo, schierata compatta per il no.

«La maggioranza è immobile e non ha idea di come amministrare la Municipalità», ha affermato Gabriele Anedda, consigliere del Partito Democratico che ha letto in aula l’emendamento, modificativo della parte finale della relazione. «La nostra proposta cercava di apportare un contributo avanzando un progetto per il futuro di Pirri».

Totalmente differente, invece, il punto di vista del Presidente della Municipalità Paolo Secci, che ha difeso l’operato del centrodestra e dell’amministrazione da lui guidata – «Stiamo facendo quel che possiamo, il precedente Consiglio di centrosinistra ha lasciato macerie» – e considerato l’emendamento «un tentativo della minoranza di sostituirsi alla maggioranza».

Oltre all’approvazione definitiva della previsionale di spesa, nei cui allegati si è ribadita la necessità della piena attuazione del Regolamento della Municipalità e si sono riproposte tematiche cruciali e annose come, tra le altre, il futuro dell’ex scuola di via Zucca, occupata da alcune famiglie di senzatetto, nel corso dell’assemblea si è proceduto alla lettura di una interrogazione redatta dal consigliere Marco Chillotti.

Nel documento Chillotti ha chiesto lumi sul parere preventivo favorevole al piano attuativo della Ditta Eredi Raffaele Di Martino relativo all’area sita in via della Vite, angolo via delle Libellule,  espresso in Consiglio comunale dal Presidente della Prima Commissione pirrese Alessandro Vincis, un parere che, stando al consigliere, avrebbe recato al Parlamentino, unico organo della Municipalità deputato a rilasciare tale tipo di giudizi, un “grande sgarbo”. «Non c’è stato proprio nessuno sgarbo», ha replicato Paolo Secci, destinatario dell’interrogazione. «Quello di Vincis è stato un parere del tutto personale».