Rassegna Stampa

Vistanet Cagliari

Tutto pronto per la 361esima edizione di Sant’Efisio: 120 comuni sfileranno a Cagliari per la festa

Fonte: Vistanet Cagliari
27 aprile 2017

Tutto pronto per la 361esima edizione di Sant’Efisio: 120 comuni sfileranno a Cagliari per la festa di tutta la Sardegna
  
 

Fervono i preparativi per la 361° edizione della Festa di Sant’Efisio, una delle più importanti tradizioni religiose e culturali della Sardegna ma anche del resto del mondo, che celebra il Santo che fu martirizzato per la sua fede cristiana e che, secondo la tradizione, con la sua intercessione liberò Cagliari dalla peste.



Una festa talmente importante e significativa da essere stata inserita da due anni nella lista dei Patrimoni italiani per l’Unesco. Per il decimo anno consecutivo, viene patrocinata dalla Commissione Nazionale per l’Unesco. Quest’anno sono 120 i comuni rappresentati e 29 le sub-regioni storiche della Sardegna, 89 associazioni di devoti in abito tradizionale, 39 associazioni di cavalieri in abito tradizionale, quattro cori polifonici, 4 plotoni di miliziani, 6 associazioni di strumentisti, 19 traccas e 3.153 devoti lungo il percorso.
Dal 30 aprile fino al 4 maggio, piazza del Carmine e il Municipio ospiteranno il Festival delle Tradizioni, con canti e balli legati alla tradizione folkloristica sarda. Per l’intera giornata del 1° maggio tutti i musei civici resteranno aperti. «Novità di questa edizione sarà la consegna del premio “Toson d’Oro”, un riconoscimento a personaggi o istituzioni che hanno dedicato le loro attività culturali e artistiche a Sant’Efisio», ha annunciato l’assessora al Turismo del Comune di Cagliari Marzia Cilloccu, nel corso della conferenza stampa di presentazione nella Sala consiliare del Municipio di via Roma. Il premio andrà al maestro e suonatore di launeddas Luigi Lai.

È prevista la realizzazione di un museo dedicato alla storia e alla tradizione di Sant’Efisio nei locali dell’Arciconfraternita a Stampace. È poi prevista l’infrastrutturazione del cammino del Santo, con opere di riqualificazione di tutti i luoghi interessati dal percorso. Sono a disposizione cinque milioni di euro inseriti nel Patto tra Città Metropolitana di Cagliari e Governo. In chiusura, il sindaco Massimo Zedda ha detto: «Sant’Efisio protegga la città, in particolare interceda per coloro che soffrono, per i più deboli, per chi ha perso il lavoro o lo sta cercando».
Alla conferenza stampa erano presenti anche la neo-assessora regionale al Turismo, Barbara Argiolas, don Giulio Madeddu della diocesi di Cagliari, il commissario di Pula Mario Mossa, i rappresentanti delle amministrazioni comunali di Sarroch e Villa San Pietro, il direttore organizzativo Ottavio Nieddu e il presidente dell’Arciconfraternita del Gonfalone, Francesco Cacciuto.