Rassegna Stampa

Vistanet Cagliari

Esiste una “madre dell’ucciso” di Francesco Ciusa di marmo e si trova a Pettinengo: sabato verrà esp

Fonte: Vistanet Cagliari
26 aprile 2017

Esiste una “madre dell’ucciso” di Francesco Ciusa di marmo e si trova a Pettinengo: sabato verrà esposta in prima mondiale
  

Incredibile scoperta in Piemonte: il Museo di Pettinengo esporrà in prima mondiale la statua di marmo “La madre dell’ucciso” di Francesco Ciusa, opera della quale, finora, erano note le sole copie in gesso e in bronzo. Nel 1907, a Venezia, l’artista nuorese ne espose infatti una, con amplissimo consenso di critica. Nel 2007, nel centesimo anniversario del trionfo veneto, Firenze e Venezia esposero i suoi gessi e sabato, dopo 110 anni, Biella mette in mostra l’opera marmorea.

“Sa mama de su mortu”, La madre dell’ucciso verrà esposta a Pettinengo al Museo delle Migrazioni, Cammini e Storie di Popoli che sarà inaugurato sabato in uno stabile della Regione Sardegna dato in usufrutto al circolo biellese “Su Nuraghe“, che parteciperà alla cura degli allestimenti.



Ignota al pubblico era finora l’esistenza di una versione in marmo, che si trovava nella villa Malpenga, nel comune di Vigliano Biellese. Risulta essere stata oggetto di una vendita (2 aprile 1942), attraverso la Galleria d’Arte di Paolo Triscornia di Ferdinando, marmi greggi segati e lavorati di Carrara, unitamente ad altre statue, per il prezzo complessivo pattuito in 68.000 lire, saldato l’8 giugno 1942.
La statua in marmo ha le stesse dimensioni delle opere in gesso e bronzo già note. È arrivata nel Biellese negli anni in cui viveva ed operava a Biella l’artista sassarese Giuseppe Biasi, con il quale Ciusa aveva stretto rapporti di amicizia.

L’opera, scolpita tra il 1906 ed il 1907, segnò il debutto di Francesco Ciusa (Nuoro, 2 luglio 1883-Cagliari, 26 febbraio 1949) alla Biennale di Venezia del 1907. La realizzazione originale fu un gesso (cm 81,5 x 58 x 72,5), acquistato nel 1939 dalla Galleria Comunale d’Arte di Cagliari. Si conoscono successive cinque versioni in bronzo: la prima, su richiesta dell’allora Ministero della Pubblica Istruzione, fusa subito dopo l’esposizione del 1907, si trova alla Galleria d’Arte Moderna di Roma; la seconda sembrerebbe essere stata eseguita per un museo londinese; la terza per la Galleria d’Arte Moderna di Palermo; la quarta, nel 1983, per il Palazzo Civico di Cagliari; la quinta, nel 1985, per la tomba dell’artista nella chiesa di San Carlo in Nuoro.