Rassegna Stampa

Vistanet Cagliari

Renzi firma il “Patto per Cagliari”: in arrivo 168 milioni di euro

Fonte: Vistanet Cagliari
18 novembre 2016

Renzi firma il “Patto per Cagliari”: in arrivo 168 milioni di euro per i comuni dell’area metropolitana


“Il patto per Cagliari non è una lista della spesa”, così il presidente del Consiglio Matteo Renzi si rivolge alla stampa per presentare l’accordo per un piano di investimenti siglato con la neonata città metropolitana di Cagliari.

 

Arrivato al Palazzo Viceregio intorno alle 10.30 da Pula, dove ieri ha cenato con il presidente della Repubblica cinese Xi Jingping, Renzi è stato introdotto dal sindaco di Cagliari Massimo Zedda.
<<La grande novità delle ultime leggi di stabilità è che non ci sono tagli agli enti locali>>, spiega il primo cittadino. Grazie a questo accordo e al bando per le periferie – precisa Zedda – i 17 comuni della città metropolitana avranno a disposizione 168 milioni di euro, distribuiti equamente sul territorio. Saranno investiti nella mobilità sostenibile – in particolare nell’ampliamento della metropolitana leggera – nella messa in sicurezza delle scuole e dei dissesti idrogeologici, nell’ambiente e nella valorizzazione degli sport acquatici, in particolar modo nella vela>>.

Matteo Renzi, davanti a 16 dei sindaci metropolitani – assente per scelta politica il sindaco pentastellato di Assemini Mario Puddu – e ai 12 consiglieri, descrive questo accordo come “un metodo di assunzione reciproca di responsabilità” e pone l’accento sulla battaglia intrapresa all’interno dell’Unione europea per la crescita e una maggiore attenzione a temi come quello dell’immigrazione. È proprio la crescita, dopo anni di austerity, che permette accordi come questi, secondo il premier che poi ritorna sull’incontro di ieri con il presidente cinese. <<Il 9 settembre dopo aver parlato con il Ceo di Alibaba, Jack Ma, l’Amazon cinese – racconta- sono state vendute ai cinesi 100 milioni di bottiglie di vino italiano. Tra questi, 51 milioni erano nuovi acquirenti>>. Insomma, l’Italia, come la Sardegna deve imparare a vendere la propria bellezza. A questo proposito Renzi, imbeccato da Zedda, parla dei fenicotteri. <<Questo fatto che qui a Cagliari non bisogna fare 100 chilometri come in Camargue per ammirare i fenicotteri rosa è una cosa che non sanno in molti. Bisogna raccontarlo al mondo>>, spiega Renzi.
Il presidente del Consiglio è quindi ripartito per la seconda parte del tour in nord Sardegna, dove visiterà il polo elettrico Terna di Codrongianos per poi chiudere al teatro Verdi con un comizio per il Sì al referendum del 4 dicembre. (Mario Marcis)